Mozione approvata all’unanimità

dal XVI Congresso nazionale dell’Udi  6-8 maggio 2016

8 Maggio 2016 

 

Al Presidente della repubblica

Al presidente del Governo

Al presidente del Senato

Alla presidente della Camera

Al presidente dell’ISTAT

 

Il XVI congresso nazionale Udi, riunito a Roma il 6, 7, 8 Maggio esprime profonda preoccupazione pe le vicende che attraversano in questa fase il mondo della ricerca statistica e demografica in Italia.

Tre fatti stanno alla base di questa preoccupazione:

  1. la riforma dell'Istat, che ha ridotto considerevolmente il peso delle ricerche indagini campionarie e qualitative, a vantaggio della mera elaborazione dei dati esistenti nelle pubbliche amministrazioni e degli stessi dati Istat ricavati da rilevazioni a carattere universale (censimenti ecc.);
  2. la rimozione di Linda Laura Sabbadini dal ruolo dirigente finora ricoperto, presentata come conseguenza della suddetta riorganizzazione, ma che, di fatto, ha compromesso decenni di lavoro, segnato dall'attenzione costante alla lettura e analisi di genere dei dati, fossero essi relativi ai tempi di vita e di lavoro, alla salute, alla scolarizzazione, ecc.;
  3. il silenzio che continua a circondare la proposta di legge sugli studi e le statistiche di genere, che, presentata per l'ennesima volta il 16 luglio 2013 (prime firmatarie le onorevoli Fedeli, Ghedini e Finocchiaro) non è ancora stata inserita nel calendario dei lavori parlamentari e rischia di fare la fine delle precedenti proposte presentate negli ultimi 30 anni.

Tutto questo in contrasto con le dichiarazioni ufficiali di governi e parlamenti che, almeno a partire dalla Conferenza di Pechino, cioè da più di 20 anni, continuano formalmente a sostenere la necessità di politiche di genere e il proposito di attuarle.

Conoscere per deliberare non è certo un principio innovativo e forse per questo poco interessa a chi nell'innovazione vede un obiettivo che prescinde dai contenuti: è semplicemente il principio base di ogni politica, sia essa sociale, ambientale, sanitaria o altro, che voglia essere efficace. E che nei processi conoscitivi sia costantemente adottata un'ottica di genere è un prerequisito minimo per garantire tale efficacia.

Il Congresso chiede quindi:

  • che la legge sulle statistiche di genere sia rapidamente calendarizzata e approvata;
  • che la riorganizzazione dell'Istat sia oggetto di una riflessione attenta che coinvolga non solo gli addetti ai lavori ma tutti i soggetti sociali la cui visibilità può dipendere dalla metodologia seguita nelle ricerche (che come sappiamo non è mai neutra);
  • che i meriti, cioè le competenze e le esperienze professionali di Linda Laura Sabbadini siano riconosciuti e valorizzati, restituendole il ruolo da lei ricoperto per tanti anni.

Tutti i contenuti del portale sono proprietà esclusiva e riservata dell'UDI e/o dei suoi aventi causa e/o di terzi soggetti ove indicati e sono protetti dalle vigenti norme nazionali ed internazionali in materia di tutela dei diritti di Proprietà Intellettuale e/o Industriale.

 

Tutti i contenuti pubblicati potranno essere liberamente utilizzati a condizione che rimangano nel loro formato originale e sia sempre citata la fonte e il sito web dal quale sono tratti.

 

Web design & master - flbonanni@gmail.com 

Segnalazioni di bug e suggerimenti - udiamministrazione@gmail.com

 

Sede Nazionale Archivio Centrale - via della Penitenza, 37 | tel 06 68 65 884 | fax 06 6880 7103 | udinazionale@gmail.com | sedi in Italia